Stato di emergenza – Cosa è permesso ai nostri cani nelle 3 Zone

Reading Time: 5 minuti

E rieccoci nuovamente in stato di emergenza, l’Italia a causa del Covid-19 si ritrova multicolore e con il conseguente stato di limitazione alla mobilità dei nostri animali domestici. In attesa di avere una popolazione vaccinata, la domanda più frequente che i proprietari di cani e di animali domestici è: “Cosa posso fare con il cane in zona rossa\arancione\gialla?”

Snoccioliamo finalmente tutti i dubbi.

Inizio con il mostrarvi quali sono attualmente i colori facenti parte della nostra nazione.

stato di emergenza, italia a zone

Zona gialla

Posso uscire con il cane in zona gialla?

La domanda più semplice è quella più chiesta in assoluto, e la risposta è si, non esistono limitazioni di tempo e spazio per poter effettuare passeggiate con i nostri amici pelosi.

Ovviamente sono escluse le ore in cui è presente il coprifuoco, quindi dalle ore 22:00 alle ore 05:00. Esclusione fatta per urgenze, infatti stando a quanto dice l’ordinanza non è permesso uscire dopo le 23 per portare il proprio cane a fare i bisogni.

In molti però chiedono delucidazioni e tolleranza in merito. Sono molti i cani abituati ad uscire dopo le 23, soprattutto nel caso di animali anziani che necessitano di uscire più spesso.

Ad ogni modo è tassativo non allontanarsi eccessivamente dal proprio domicilio.

Posso uscire con il cane e portarlo in area cani? Quali regole devo rispettare?


Si possono portare i cani tranquillamente in ogni area cani del proprio comune o di altri comuni senza alcuna limitazione.

Per noi valgono le regole del mantenimento sempre del distanziamento sociale minimo di un metro dai proprietari degli altri cani, di indossare sempre la mascherina, si consiglia di indossare i guanti per evitare contatti nella raccolta degli escrementi, e ricordarsi di igenizzare e/o lavare le mani appena possibile.

Posso uscire dopo le 22 per portare il cane dal veterinario?

Assolutamente si! uscire con il cane per portarlo dal veterinario rientra a pieno nelle esigenze indifferibili ed urgenti.

Nonostante le urgenze, i controlli di routine dovranno essere rinviati. Visite veterinarie necessarie e non procrastinabili possono avvenire solo su prenotazione degli appuntamenti e comunque garantendo la turnazione dei clienti con un rapporto uno a uno, così da evitare il contatto ravvicinato e la presenza di clienti in attesa nei locali.

Infatti la Federazione Nazionale Ordini Veterinari Italiani ha inviato una chiara circolare in cui sollecita tutti i professionisti a limitare l’attività professionale dovuta alla situazione emergenziale a causa del Covid-19.

Commentate se volete ulteriori delucidazioni in merito alla zona gialla.

Zona Arancione

Posso uscire con il cane dal mio comune per andare dal veterinario o ad accudire i randagi? Ecco tutto quello che dovete conoscere durante la pandemia.

All’interno del proprio Comune ci si può muovere liberamente fino alle 22, quindi poi uscire con il cane. Ovviamente vige sempre il rispetto dell’uso della mascherina e il distanziamento di un metro tra una persona e l’altra.

Non è necessario giustificare gli spostamenti. Si può andare quindi a fare una passeggiata, uscire con il cane o portarlo dal veterinario, fare shopping, andare in bici, a un parco, fare sport senza contatto, prendere un caffè da asporto al bar o un piatto di lasagne o di cous cous a portar via da un ristorante, far visita a una persona detenuta.

Poi, dalle 22, tutti a casa perché scatta il coprifuoco e sarà consentito muoversi, previa autocertificazione, solo per lavoro, necessità o urgenza.

Se abito in un piccolo comune?

Se abiti in un piccolo comune fino ai 5mila abitanti, puoi spostarti con il tuo fido fino ad un massimo di 30 chilometri dal confine, anche in un altra regione se rientra. Sono ovviamente esclusi per i capoluoghi di provincia.

Inoltre sarà possibile anche andare a fare visita ad amici e parenti entro sempre i limiti ed orari stabiliti dal DPCM.

Qui di seguito potete scaricare l’autocertificazione

Zona Rossa

Qui le cose diventano un pochino complicate, purtroppo il Covid in alcune zone dell’Italia ha creato dei veri e propri vuoti generazionali, per questo motivo alcune regioni d’Italia (Compresa la mia) hanno istituito la cosiddetta zona rossa.

Posso uscire con il cane in zona rossa?

Si, ma solo per le sue esigenze fisiologiche o per portarlo dal veterinario per visite urgenti, mentre i controlli di routine vanno rinviati.

Quindi sono consentiti solo spostamenti di prima necessità, come quelli per fare la spesa, andare in farmacia o fare attività motoria (Magari usciamo con il cane per fare attività motoria).

I cani sono portatori di covid-19?

Sebbene attualmente non vi siano evidenze scientifiche del fatto che cani, gatti o altre specie di animali domestici concorrono alla diffusione del virus SARS-CoV-2 e gli animali contagiati dall’uomo non giocano un ruolo nell’epidemiologia della Covid-19, si raccomanda, quando possibile, un atteggiamento precauzionale.

(Fonte: Commissione Europea)

Occorre adottare precauzioni con il proprio cane?

Innanzitutto, non è giustificata l’adozione di misure che possano compromettere in qualche modo il benessere del proprio animale, ma si raccomanda, quando possibile, un atteggiamento precauzionale verso il proprio cane.

Possono essere adottate alcune misure protettive a scopo precauzionale quali:

le persone infette o nelle quali si sospetta l’infezione da SARS-CoV-2 devono evitare il più possibile il contatto ravvicinato con il proprio animale e adottare buone pratiche igieniche (ad es. mantenersi a distanza dagli animali domestici, lavarsi le mani frequentemente, evitare di toccarsi il volto, indossare una mascherina)

gli animali appartenenti a proprietari nei quali si sospetta l’infezione da SARS-CoV-2 devono ridurre al minimo i contatti con persone o altri animali ed essere tenuti in casa presso le famiglie o in luoghi o rifugi destinati all’isolamento degli animali, per quanto possibile, non pregiudicandone in alcun caso il benessere, e per una durata pari all’isolamento raccomandato per l’uomo nella stessa area geografica

i proprietari devono tenere il proprio animale domestico al guinzaglio quando camminano all’esterno, così da poter garantire la “distanza sociale” dalle altre persone.

(Fonte: Commissione Europea)

Stato di emergenza

Al momento non esiste alcuna evidenza ad indicare che gli animali domestici abbiano un ruolo significativo nella diffusione del Covid-19.

Tuttavia, le autorità consigliano di limitare il contatto con i nostri animali domestici, rispettando al massimo le norme igieniche: nell’andare in giro, si consiglia di non toccare nessun oggetto con le mani –quali pomelli, pulsanti dell’ascensore, porte– o farlo con i guanti; disinfettare correttamente il materiale (guinzaglio, collare, ecc.), quindi lasciarlo all’ingresso di casa, facendo lo stesso con le scarpe; dunque lavarsi bene le mani dopo averli toccati e prima di dare loro da mangiare.

Ci indicano altresì di non mettere loro le mascherine, poiché a loro non servono e si possono recargli non solo qualche danno, tipo il soffocare.

Per qualsiasi dubbio non esitate a contattarci qui sotto fornendoci un commento, oppure consultando il sito ufficiale dell’ Associazione Veterinaria Mondiale

In conclusione – Posso uscire con il cane?

In conclusione possiamo uscire con il nostro cane in qualsiasi colore noi ci possiamo trovare, sia Giallo, Arancione, Rosso.

Dobbiamo solo tenere a mente queste piccole regole

Rosso: Possiamo uscire con il nostro cane solo nei dintorni della nostra abitazione
Arancione: Possiamo uscire con il nostro cane solo all’interno del nostro comune, tranne degli specifici casi
Giallo: Possiamo uscire con il nostro cane senza limitazioni di tempo e spazio.

Un ultimo consiglio, dato il freddo eccessivo di questo periodo, vi lascio 8 consigli sul come affrontare il freddo con il vostro amico peloso.

Lascia una risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Translate »